Da venerdì 18 la quinta edizione di Scale del Gusto. Programma illustrato in conferenza stampa al Comune

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

condividi l’articolo prima di tutti

RAGUSA – Con un tuffo nella cultura enogastronomica popolare, “Scale del Gusto” regala la riscoperta delle caratteristiche botteghe in Via del Mercato a Ragusa Ibla. E’ una delle novità che la manifestazione dedicata all’eccellenza culinaria locale e al patrimonio artistico e paesaggistico ibleo, in programma dal 18 al 20 ottobre, regala al suo pubblico.
Il calendario completo è stato presentato stamani al Comune di Ragusa, alla presenza dell’assessore alla Cultura Ciccio Barone e dei rappresentanti dell’associazione Sud Tourism che organizza l’evento.
“Scale del Gusto” risponde con una speciale valorizzazione dell’Antico Mercato Pubblico, una volta cuore pulsante della vita economica del quartiere ibleo, alle critiche recenti sullo stato di completo abbandono in cui versa la zona, riportandola al suo originario splendore. Non solo festa del palato e della vista quindi, ma anche recupero della memoria collettiva e rivalutazione di intere zone cittadine: Scale del Gusto accende i riflettori su aspetti rilevanti la vita della comunità. In tutti i sensi: la manifestazione vuole celebrare il territorio ibleo e le sue ricchezze in ogni sua sfumatura e accezione.
“*Scale del Gusto è una manifestazione di rilievo importante per tutta la città* – ha dichiarato l’assessore Barone – *Un grande evento che abbiamo promosso anche a livello nazionale e internazionale che accende i riflettori su tutto il nostro territorio*”.
Tanti i momenti da non perdere e le novità del programma 2019, in primis appunto quella che riguarda le botteghe di Via del Mercato che accoglieranno il Villaggio del Gusto dove l’essenza della sicilianità troverà espressione in ogni declinazione, adatto anche a vegani e vegetariani.
“La *nostra manifestazione punta alla riqualificazione del territo*rio – ha commentato Giovanni Gurrieri, direttore di Sud Tourism – *e dà a tutta la comunità iblea la possibilità di farsi conoscere in tutto il mondo nella sua piena bellezza. Tra gli appuntamenti di maggiore prestigio quello sulle Strade del vino tra masterclass e degustazioni, in collaborazione con La Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria e AIS Sicilia; l’incontro tra i cinque consorzi dei formaggi storici regionali, ma anche i tanti eventi collaterali di “Scale Parallele” con tanti eventi collaterali tra arte, musica e approfondimenti, frutto del coinvolgimento spontaneo di realtà locali. Scale del Gusto vuole stimolare tutti, privati e pubblico per promuovere insieme il nostro territorio*”.
Sempre sul vino interviene Marco Calcaterra, presidente Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria: “*Dalle 18 alle 24 ci sarà la possibilità di degustare tutte le cantine presenti alla manifestazione, che quest’anno accoglie i due territori dell’Etna e del Val di Noto. L’offerta enologica si articolarà con sei masterclass: le prime incentrate sul mondo vino, e poi si completerà con vino cibo e birra cibo*”.
In programma anche il “Gusto della letteratura” con appuntamenti letterari abbinati alle preparazioni culinarie, con ospiti gli scrittori Giuseppina Torregrossa, Carlo Blangiforti e Costanza DiQuattro. “*Aspetto importante del programma della manifestazione restano gli appuntamenti culturali* – ha commentato Giampaolo Battaglia, coordinatore Scale del Gusto – *come quello che ospiterà Roberto Covolo di Ex Fadda, una delle più importanti officine culturali d’Italia*”.
Riconfermati gli stand espositivi lungo le scale che da Ragusa accompagnano a Ibla nella sezione “Prodotti e produttori” e le “Cene con vista” curate dall’associazione provinciale Cuochi Iblei in collaborazione con Slow Food, oltre alla novità imperdibile della cena insieme a tre chef stellati, Claudio Ruta, Vincenzo Candiano e Accursio Craparo. Proprio le cene con vista vedranno anche quest’anno la presenza degli studenti di sala e di cucina dell’Istituto alberghiero Galileo Ferraris di Ragusa: “*I ragazzi avranno al possibilità di approcciarsi concretamente con il mondo della cucina, sia in sala che dietro i fornelli* – ha dichiarato Fabio Gulino, docente dell’Istituto e coordinatore Ais Sicilia – *si tratta di un’importante esperienza formativa per loro che potranno rapportarsi con personale qualificato*”.
Immancabile la riscoperta del patrimonio artistico del quartiere con “Le scale dei tesori” e poi altre due imperdibili novità: “Le vie dei sensi” che coinvolgeranno i ristoranti, le gastronomie e le locande del quartiere barocco in un percorso enogastronomico e “Porte aperte”, appuntamenti dedicati alle visite delle aziende. “*Il ritorno della Confraternita dei Cenacolari, la possibilità di vistare le aziende e di conoscerne la storia* – aggiungono Giulia Occhipinti, responsabile segreteria organizzativa, e Marco Galifi, responsabile tecnico e logistica – *la valorizzazione dei beni culturali all’interno dell’aria in cui ricade l’evento come Palazzo Cancelleria, Palazzo Sortino Trono e Palazzo Cosentini, beni che sono generalmente chiusi e che sono invece resi fruibili con mostre, prodotti. Questo e tanto altro è Scale del Gusto*”.
Tutto il programma della manifestazione è scaricabile sul sito www.scaledelgusto.it e sui canali social dell’evento.